VPD che cos'è il Vapor Pressure Deficit

Pubblicato il 06.08.2019

VPD CHE COS'È IL VAPOR PRESSURE DEFICIT

Il deficit di pressione di vapore, più comunemente indicato come VPD, è un concetto agricolo che misura la differenza di pressione tra l'umidità all'interno e l'esterno di una foglia. Per i coltivatori di cannabis, avere una mano su questa metrica può produrre piante più sane e più robuste.
Il controllo del VPD può consentire ai coltivatori di aumentare l'assunzione di acqua e nutrienti e, di conseguenza, aumentare e ottimizzare la crescita delle piante.


Oltre a incoraggiare la salute delle piante, la comprensione del VPD consente ai coltivatori di regolare meglio l'ambiente vegetale circostante per tenere a bada i parassiti. Il VPD descrive come la pianta sente e apporta un numero e un valore al comfort dell'impianto, ha affermato Clif Tomasini, direttore commerciale di Quest Deumidificatori, che fornisce deumidificatori ad alta efficienza energetica ad alcune delle più grandi coltivazioni indoor negli Stati Uniti.

Gli esseri umani possono tecnicamente funzionare a zero e cento gradi Fahrenheit, ma tendono ad essere più produttivi e felici da qualche parte tra quei due estremi. Allo stesso modo, le piante hanno condizioni in cui hanno più successo. Più sono comode le piante, più è probabile che raggiungano la loro migliore crescita", ha affermato Tomasini.

Incorporare le strategie VPD può sembrare una grande impresa per coloro che non conoscono il concetto. Ma la maggior parte dei coltivatori sta già prendendo le misure necessarie per determinare i livelli ottimali di VPD nella stanza di coltivazione, che possono influire su fattori come l'umidità e la salute delle piante.

Seth Lee, coltivatore di Denver e direttore operativo della Greenlight Cannabis Company, raccomanda di fare riferimento alle tabelle perché la maggior parte sono codificate a colori per indicare livelli di traspirazione bassi, sani, alti e pericolosi.

"Con queste informazioni, puoi mettere a punto i livelli di VPD che funzionano meglio per te, in base ai grafici e al modo in cui diversi ceppi reagiscono a livelli specifici di VPD", ha detto Lee. "Il successo richiede che tu sia flessibile, quindi i grafici dovrebbero essere usati solo come linee guida."

Poiché il VPD è inversamente correlato a RH, una crescita con un RH basso avrà in genere un VPD alto. Quando inizi a lavorare con il VPD, aiuta a mantenere un RH più basso, circa il 55 percento, fino a quando non acquisisci confidenza con il concetto, ha affermato Lee.

Ciò garantirà il controllo dei livelli di RH e impedirà all'ambiente di favorire la crescita di muffe (ricorda che se aumenti l'umidità per avere un VPD giusto, devi avere un ottima ventilazione in tutte le parti della grow).

Poiché diverse piante di cannabis, varietà e operazioni di coltivazione hanno esigenze e limitazioni diverse, i coltivatori devono tenere conto di molte variabili durante la regolazione del VPD. Anche la fase di sviluppo delle piante deve essere considerata.

"Il VPD è importante in tutte le fasi della crescita, anche se l'ottimale VPD cambia man mano che le piante maturano", ha detto Lee. "Cloni e piantine non hanno sviluppato sistemi di radici per trasportare acqua e sostanze nutritive, quindi richiedono un VPD molto più basso per impedire che si secchino."

Una volta che le radici si sono stabilizzate, puoi aumentare gradualmente il VPD per incoraggiare una più rapida traspirazione. Il VPD ottimale influenza la traspirazione più veloce perché temperature più elevate fanno sì che le piante aumentino il rilascio di vapore acqueo.

I coltivatori devono fare attenzione quando armeggiano con i livelli di VPD, poiché la misurazione è direttamente correlata alla traspirazione: il movimento di acqua e sostanze nutritive avviene principalmente attraverso le loro foglie e fiori. Se il VPD è troppo basso e le piante non sono in grado di traspirare, o il VPD è troppo alto e traspirano troppo, le piante possono stressarsi, soffrire e morire.

Idealmente, le piante dovrebbero traspirare ad un ritmo che le lasci a proprio agio e cresca in modo ottimale, ha affermato Mike Steffes, uno scienziato di ricerca e sviluppo presso i Deumidificatori di Quest.

Se l'aria è troppo secca, le piante traspirano troppo nel tentativo di mantenere l'equilibrio della tensione di vapore. Questo è problematico perché mette le piante a rischio di bruciare a causa di sali nutrienti in eccesso, ha affermato Steffes.

Esistono altri rischi non correlati alla crescita, come muffe e insetti che presentano livelli di VPD pericolosamente alti o bassi. Se l'aria è troppo umida, sei sensibile a un ambiente in cui prosperano muffe. Se l'aria è troppo secca, stai creando l'ambiente ideale per insetti come i ragnetti rossi, che proliferano di condizioni aride.

"Come tutto il resto, la coerenza è la chiave, e qualsiasi adattamento VPD o ambientale dovrebbe essere fatto gradualmente", ha detto Tomasini. "Per avere successo, utilizzare il VPD come strumento ed essere diligente nel monitorare l'ambiente e la salute delle piante."

Ultimi articoli
Point
Ready Pro ecommerce