Questo sito usa i cookie per fornirti un'esperienza migliore. Se usi questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.

OKCHIUDICookie Policy

Cannabis Strain : le 7 genetiche che hanno cambiato la storia

Pubblicato il 06.06.2019
Le 7 genetiche che hanno cambiato la storia

Le 7 genetiche che hanno cambiato la storia

Come tutti i prodotti commerciali, la Cannabis si differenzia in diversi tipi, che in America vengono chiamati “strain”, mentre in Italia le chiamiamo genetiche. Gli “strain” più antichi sono conosciuti come “landraces” (varietà locali), un termine usato per descrivere la varietà che è indigena a una determinata zona geografica, dove si è adattata – dopo un lungo periodo di tempo e isolamento – alle condizioni climatiche e di coltivazioni dell'area.


Parte di questo processo è naturale, ma i coltivatori hanno selezionato parte di queste piante per la loro produzione e tratti che le diversificavano, come la resistenza a muffe in zone molto umide o la resistenza alle siccità in luoghi in cui l'acqua scarseggia.

Spesso queste varietà di cannabis “landrace” sono citate almeno in parte per la loro regione di origine: Think Panama Red, Maui Wowie e Malawi Gold.

SECONDO GLI STORICI

Andando indietro con gli anni, secondo la maggior parte degli studiosi, le diverse specie di cannabis sono nate come piante selvatiche annuali in Asia centrale circa 15.000 anni fa, e da lì si sono diffuse in tutto il mondo lungo antiche rotte commerciali, il che significa che tutti i ceppi nel corso della storia condividono un antenato comune.

I primi fumatori di “ganja” del Nord America utilizzavano ceppi di razza pura sativa originaria del Messico, dei Caraibi, e anche di punti più a sud. In quei giorni pre-sinsemilla (1900-1970), ogni sacco di erba arrivava con una grande scorta di semi liberi, ma quei semi non crescevano bene nei climi nordici.

I primi fumatori di “ganja” del Nord America utilizzavano ceppi di razza pura sativa originaria del Messico, dei Caraibi, e anche di punti più a sud. In quei giorni pre-sinsemilla (1900-1970), ogni sacco di erba arrivava con una grande scorta di semi liberi, ma quei semi non crescevano bene nei climi nordici.

Le Sativa pure impiegano settimane più lunghe dell'Indica per maturare, e quindi richiedono una stagione di crescita più lunga e più calda - un problema che divenne una crisi negli Stati Uniti quando la Guerra sulla Marijuana iniziò a concentrarsi sulle pattuglie di confine chiudendo le linee di rifornimento americane.

Poiché la richiesta di cannabis è aumentata alla fine degli anni '60, la situazione è cresciuta così terribilmente che ci sono state carenze di cannabis annunciate.
Poi i coltivatori di cannabis in California e altrove hanno scoperto che incrociando questi ceppi sativa landrace che erano abituati a fumare, con ceppi indiani di landrace riportati dal Nepal, Afghanistan e altre fermate lungo l'allora popolare Hippie Trail, potevano produrre ibridi con i migliori tratti di entrambe le sottospecie.

Ma come siamo riusciti ad arrivare da una manciata di landraces a ottenere ibridi come la Zkittlez e la Blue Dream? Attraverso una serie di incredibili scoperte di breeding che si svolgevano in gran parte dietro un pesante velo di proibizione.
Quindi, se è ben documentato che la mela McIntosh è stata scoperta per la prima volta da John McIntosh nel 1811 in Canada, le storie dei più grandi allevatori di cannabis del mondo sono molto più torbide. Quindi perdona gentilmente ogni informazione mancante nelle storie di origine di queste sette varietà di cannabis che hanno cambiato il gioco (e contattaci se che credi che ci sia sfuggito qualcosa).

LE 7 GENETICHE CHE HANNO CAMBIATO LA STORIA

SKUNK #1

Dai breeder underground delle coltivazioni della California, i leggendari Sacred Seeds, arrivò una delle prime vere varietà ibride di cannabis. Chiamata per il suo potente aroma skunk, Skunk # 1 è stata incrociata con più generazioni per incorporare diverse genetiche, da tre landraces di successo - Afghani, Acapulco Gold e Colombian Gold.

Combinando il breve tempo di fioritura e il grande raccolto di Afghana (un' indica) con l'alto effetto drogante delle due sativa, questo importante risultato nel breeding della cannabis cambiò il gioco aiutando a creare una genetica che consentisse ai coltivatori di cannabis statunitensi di essere autosufficienti, portando al mondo uno degli “stoni” più famosi di tutti i tempi.

Skunk # 1 è stato successivamente utilizzato come materiale riproduttivo chiave per molti ceppi di seconda generazione molto amati, tra cui Cheese e Super Silver Haze. Nel Regno Unito, fino ad oggi, "skunk" è usato come termine generale per descrivere qualsiasi ceppo ad alta potenza.

Northern Lights #5

Un altro classico ibrido di prima generazione, Northern Lights #5 è stato letteralmente il quinto del suo nome. La prima varietà conosciuta come Northern Lights era al 100% indica, il risultato dell'incrocio di molte varietà autoctone afghane. Allevato per un'alta potenza, un raccolto veloce e abbondante e un elevato rapporto germoglio-foglia apprezzato dai coltivatori, la NL n. 1 è divenuta subito famosa nel suo periodo di massimo splendore.

Quando si arrivò alla NL #5 - la quinta incarnazione del ceppo - ha trovato la sua strada nel mix genetico un po 'di sativa landrace tailandese, portando note aromatiche fruttate e un high cerebrale alle stelle. Sensi Seeds ha vinto la Cannabis Cup ad Amsterdam con il ceppo nel 1989, 1990 e 1992, mentre produceva grandi quantità di semi NL #5 che sarebbe divenuti un punto di riferimento in tutto il mondo.

Northern Lights #5 ha cambiato il gioco in primo luogo perché è una varietà davvero entusiasmante che è incredibilmente facile da coltivare in casa o all'aperto in un'ampia varietà di climi. Ciò ha incoraggiato molti coltivatori hobbisti e coltivatori commerciali clandestini a coltivarlo, permettendo al mercato di massa di sviluppare un gusto per qualcosa di molto raffinato.


NEVILLE'S HAZE

Le varietà originali di Haze risalgono alla fine degli anni '60, quando un gruppo di pionieri coltivatori di semi conosciuti come The Haze Brothers scoprì che il microclima unico a Santa Cruz, in California, permetteva loro di sperimentare la crescita di ibridi fortemente sativa-dominanti.
Benedetti da un autunno lungo, asciutto e mite, i visionari Haze Brothers divennero rapidamente famosi nel mondo underground per lo sviluppo e la crescita di Original Haze, una varietà ibrida che fondeva le genetiche landrace provenienti da Thailandia, Messico e Colombia.

Come uno degli Haze Brothers disse ad High Times nel 1980, "Le cose che coltivano nella California del Nord sono per lo più indica, ma sono raccolte presto evitare la stagione del gelo. Nella nostra contea i fiori tirano fuori la resina fino a dicembre, [così abbiamo fatto] la Haze dai semi di sativa."

Una pianta che matura lentamente, alta e schiacciata, Haze ha compensato tutto ciò offrendo uno dei più potenti e stimolanti effetti cerebrali di tutti i tempi, accompagnato da un forte odore e sapore di pino che è immediatamente riconoscibile per chiunque abbia avuto il piacere di fumarne un pò.

Ma è diventata un “game changer” negli anni '80, quando Original Haze raggiunse Amsterdam. Lì, un breeder di semi OG di nome Neville ha sperimentato fino a quando non ha prodotto una varietà che era significativamente più facile da coltivare senza compromettere potenza, sapore o effetto. Neville ha quindi prodotto tantissimi semi di Haze e li ha spediti in tutto il mondo.


OG KUSH

Finalmente entriamo nell'era degli ibridi di seconda generazione, quando i coltivatori di cannabis iniziarono a incrociare gli ibridi con altri ibridi nella speranza che una varietà magica emergesse e si dimostrasse superiore alla somma delle sue parti. Il che ci porta a uno dei ceppi più iconici di tutti i tempi.

Ora, ricordi quando abbiamo detto che la storia della coltivazione underground di cannabis a volte diventa un po' torbida?
Niente rende questo punto più chiaro della storia originaria di OG Kush, che - con l'aiuto di molti testi rap - si fece strada da umili e sconosciute origini nell'olimpo delle varietà di cannabis.

Il poco che conosciamo di questo epico viaggio non è né confermato né completo, ma secondo i resoconti più credibili, sembra che la OG Kush abbia iniziato la sua vita come un clone contrabbandato dalla costa occidentale dalla Florida dove era originariamente conosciuto come Krippy, un termine generico per l'erba più buona. Una volta che il ceppo si è diffuso a Los Angeles nelle mani del coltivatore JoshD, la genetica è proliferata e si è diffusa su e giù per la costa occidentale.

OG Kush ha cambiato il gioco diventando il primo ceppo dell'era ibrida a diventare una pietra di paragone culturale, seguendo le orme illustri di grandi varietà come Panama Red e Acapulco Gold.


SOUR DIESEL

Ciò che contraddistingue la Sour Diesel, in primo luogo, è il potente odore e il sapore, che è acido e simile al diesel, come suggerisce il nome, ma in un modo in cui non ne puoi fare a meno.

Ritenuto un incrocio tra Chemdawg e Super Skunk, Sour Diesel ha cambiato il gioco in due modi: in primo luogo, Sour Diesel ha riportato la Sativa in auge. Dal momento che le indica crescono più velocemente e producono di più, la maggior parte dei moderni coltivatori di cannabis preferiva ceppi a predominanza Indica fino a quando Sour D (come è noto) arriva a metà degli anni '90 e cominciò a raccogliere talmente tanti consensi da spingere l'intero mercato della cannabis in una nuova meravigliosa direzione.

Ha anche cambiato il gioco essendo il primo ceppo della costa orientale a raggiungere un successo globale.


GRAN DADDY PURPLE

Ken Estes era sia un ottimo studente che un eccellente atleta al liceo, ma non molto tempo dopo essersi laureato nel 1976, un incidente in motocicletta lo ha lasciato paralizzato dal collo in giù. Dopo aver speso molto tempo in un centro di riabilitazione utilizzando molti farmaci per sei mesi, fece amicizia con un veterano disabile del Vietnam che si stava riprendendo nella stessa struttura che gli offrì della cannabis.

Estes dice che il primo tiro "fu il capovolgimento della mia vita", che poi dedicò a difendere la legalizzazione della cannabis e a creare nuove varietà con potenti effetti medicinali. Nel 2011, il suo ceppo Bay 11 è stato premiato alla High Times Medical Cannabis Cup di San Francisco, ma sarà sempre più noto per la Gran Daddy Purple, una varietà che secondo lui gli è stata regalata da un coltivatore di lunga data della contea di Humboldt meridionale.

Meglio conosciuto per il suo aspetto viola intenso, la GDP ha cambiato il gioco, dando il via ad una mania sostenuta per la cannabis viola che ha generato The Purps, Grape Ape e molti altri. Il dolce sapore dell'uva del ceppo ha anche spinto i futuri coltivatori in quella direzione, come un equilibrio tra le note acide del diesel associate a OG Kush e Sour Diesel.


SOUR TSUNAMI

Uno dei principali composti terapeutici trovati nella cannabis, il cannabidiolo (CBD) (qui trovi maggiori informazioni sul CBD) è ora ampiamente disponibile attraverso una varietà di ceppi ricchi di CBD come AcDc, Cannatonic e Harlequin.
Ma non molto tempo fa, il CBD era quasi estinto dal pool genetico della cannabis, tutto perché il secondo cannabinoide più famoso al mondo neutralizza gli effetti psicoattivi del THC.

Ciò significa che le genetiche con molto CBD non danno un effetto molto psicoattivo. Quindi i coltivatori clandestini per decenni hanno tolto involontariamente il CBD dai loro ceppi, fino a quando non ne sono rimaste tracce.

I ricercatori, tuttavia, hanno appreso dei benefici medicinali del CBD, così come il team di scienziati e attivisti dietro il Progetto CBD, un'organizzazione no-profit fondata nel 2010. Fin dall'inizio, il Progetto CBD ha collaborato con i laboratori della cannabis commerciale della California per ritrovare i ceppi carichi di CBD e incrociarli con altri per ottenere un prodotto dal buon contenuto di CBD.

Sour Tsunami, allevato da Lawrence Ringo del Southern Humboldt Seed Collective, ha cambiato il gioco diventando il primo ceppo stabilizzato ricco di CBD in California. Ringo è purtroppo scomparso, ma il suo retaggio sopravvive: oggi il CBD è venerato dai pazienti che curano tutto, dall'epilessia pediatrica all'ansia fino al dolore cronico.

Scritto da David Bienenstock
Tradotto e riadattato da Leo Bizzarri

Ultimi articoli
Point
Ready Pro ecommerce