TrolMaster : Il futuro dei controller è già qui

Pubblicato il 04.04.2019
TrolMaster


Per ottenere il massimo da una grow room bisogna essere in grado di controllare temperatura e umidità, questa si può definire come regola universale se si vuole essere in grado di non creare stress alle piante.
Ovviamente più la “grow room” è grande e più avremo bisogno di vari macchinari per il controllo delle condizioni climatiche all’interno di essa.


HYDRO-X – Plug and play di facile utilizzo

TrolMaster presenta il suo nuovo controller HYDRO-X (al contrario del nome non serve solo per controllare sistemi idroponici), creato in California, più precisamente a Sebastopol vicino alla zona del famosissimo “Emerald Triangle”, studiato per controllare tutte le macchine indispensabili per ottenere un condizionamento climatico adatto alla pianta.

TrolMaster HYDRO-X è composto da un controller centrale con una sonda per temperatura/umidità e luce, nella parte inferiore presenta vari ingressi per poter aggiungere i vari dispositivi in grado di comandare tutte le diverse macchine presenti nella room. Andiamo a vedere insieme cosa può fare e come lo può fare.


CONDIZIONATORI – DEUMIDIFICATORI – UMIDIFICATORI - CO2

Molte lampade generano molto calore, per questo nelle grandi “room” si noterà la presenza di condizionatori sia industriali che Mini-Split. Una delle prima caratteristiche di cui vi voglio parlare è l’ARS-1 AC remote station, una periferica venduta sempre separatamente dall’HYDRO-X, in grado di clonare il segnale del telecomando che controlla il condizionatore Mini-Split.



Questo rappresenta un grande passo nella storia dei controller perché uno dei problemi principali che si presentavano nell’usare un condizionatore e pompa di calore era appunto, nella possibilità di poter cambiare la temperatura durante il periodo giorno/notte e di passare da pompa di calore a condizionatore. Con questo controller possiamo clonare il segnale del telecomando ed impostare un set di temperature che lavorano come raffreddamento in “cool mode” e un set di temperature che lavorano come pompa di calore in “summer mode”.
Per controllare l'umidità useremo un'altra periferica, sempre venduta separatamente, che ci consente di attivare o disattivare (on/off) il nostro device sia umidificatore che deumidificatore.   Non manca anche il controllo della CO2 tramite un altro sensore che verrà inserito in cascata sulla linea dei sensori di temperatura e umidità, così come gli altri device anche quello della CO2 servirà ad attivare e disattivare la bombola o il bruciatore fino a raggiungere il livello prescelto.

CONTROLLO LUCI

Per poter controllare tutto dal nostro HYDRO-X dovremo dotarci anche di un adattatore che ci consenta di collegare tutte le nostre lampade in un unica soluzione. Per questo motivo troviamo diversi adattatori per i maggiori marchi in uso. Gavita, Sun System, Dimlux e un adattatore universale per tutte le lampade con il cosiddetto controllo a bassa tensione. Tramite questo controller potremo impostare una diversa intensità per creare l’effetto alba e tramonto, inoltre ha uno spegnimento automatico in caso di surriscaldamento.

TIENI TUTTO SOTTO CONTROLLO TRAMITE L'APP

Una delle caratteristiche che lo rende unico nel suo genere è la possibilità di poter tenere sempre tutto sott’occhio con l’applicazione disponibile per Android e IOS, la quale offre anche un grafico che ci permette di vedere i vari cambiamenti climatici nell’arco della giornata. Basterà collegare il controller tramite un cavo ethernet alla linea internet registrarlo sull’app tramite un QR code o manualmente ed il gioco è fatto.



AQUA-X IDROPONICA AUTOMATICA

Disponibile solo su richiesta si può connettere all’HYDRO-X un altro controller creato appositamente per il controllo dei sistemi idroponici. L'HYDRO-X comunque dispone già di un device chiamato “Program” che può essere utilizzato per lo spegnimento e accensione di pompe ad acqua, ventilatori, aspiratori etc.






Tradotto e riadattato da Leo Bizzarri